Piante da interno

Le piante d’appartamento, amici naturali per purificare l’aria della casa.

La provincia di Treviso è uno dei luoghi più inquinati d’Italia. Diversi studi purtroppo confermano di giorno in giorno questa triste notizia. L’aria pessima che ristagna nel nostro territorio presenta livelli critici di componenti inquinanti come il Materiale Particolato PM10, PM2,5, Anidride Carbonica (CO2) Monossido di carbonio (CO), Clorofluorocarburi etc. Solo nei giorni di pioggia o nei giorni ventosi l’aria risulta più pulita, ed è in questi momenti che sarebbe bene approfittare dell’aria fresca per aprire le finestre di casa ed arieggiare tutte le stanze!  Però, non tutti sanno che l’aria che circola all’interno di case, appartamenti ed uffici può essere addirittura più inquinata rispetto a quella che si trova all’esterno. Infatti, oltre all’inquinamento antropico che si trova in atmosfera, e di conseguenza anche dentro casa, all’interno degli edifici molecole e particelle volatili vengono rilasciate da solventi, vernici, spray, colle, prodotti per la pulizia della casa, fumo di sigaretta etc. L’accumulo di queste particelle, tra cui CO2 (prodotta anche dalla respirazione dell’uomo), CO, composti organici volatili o VOCs, ossido e biossido di Azoto, Cloramfenicolo, Toulene, Xilene, Benzene etc., va a costituire ciò che viene chiamato inquinamento indoor.

L’accumulo di particelle inquinanti all’interno delle abitazioni può rappresentare un serio problema per la salute umana e per quella degli animali domestici, specialmente se l’accumulo raggiunge livelli preoccupanti.  I possibili disagi causati dall’inquinamento indoor rientrano sotto la categoria Sick building syndrome (Sbs), i cui sintomi possono comprendere irritazione agli occhi, mal di testa, nausea, sonnolenza.

Ma come migliorare la qualità dell’aria all’interno della casa? Beh, circondandoci di verde!

Avete presente quella bella sensazione che si prova quando si cammina in mezzo ad un parco rigoglioso o ad un bosco? L’aria è frizzante e pulita, fresca, da respirare a pieni polmoni.

È ormai noto a tutti che le piante assorbono CO2 e rilasciano Ossigeno, consentendo quindi la sopravvivenza dell’uomo e di tutti gli animali. Grazie alla luce solare e alla presenza di acqua, le piante sono in grado di utilizzare l’anidride carbonica presente in atmosfera e di trasformarla in zuccheri e carboidrati; questo processo provoca poi il rilascio di Ossigeno nell’aria, considerato dai vegetali un prodotto di scarto. Questo fenomeno è detto Fotosintesi Clorofilliana, e da questo meraviglioso evento dipende la vita sulla Terra.

Dal momento che la maggior parte delle persone vive nelle inquinate città e non all’interno dei boschi, ciò che possiamo fare per migliorare la qualità dell’aria all’interno delle nostre case è quella di ospitare dei coinquilini verdi. Sono silenziosi, educati e soprattutto di bella presenza! Se ciò non bastasse assorbono la CO2 che produciamo e rilasciano Ossigeno prezioso per noi. Non è ancora abbastanza, direte voi. Ed è qui che la natura sa sempre come sorprenderci! Secondo recenti studi è stato dimostrato che molte delle piante verdi comunemente utilizzate come componenti di arredo all’interno delle case non solo sono belle da vedere, ma assorbono molti dei componenti volatili che formano l’inquinamento indoor!

È stato dimostrato ad esempio che Epipremnum aureum ( il comune Pothos) è in grado di abbassare i livelli di benzene e VOCs all’interno delle abitazioni. Il Clorofito, o Falangio (Chlorophytum comosum) è capace di rimuovere molti tipi di componenti organici volatili tra cui Benzene, Toulene, Formaldeide e Xilene. L’Anturio ( Anthurium andraeanum) è in grado di assorbire ammoniaca, Formaldeide e Xilene. Questi sono solo alcuni meravigliosi esempi.

Epipremnum aureum

Chlorophytum comosum

Anthurium andraeanum

Ma com’è possibile ciò? L’abbattimento dei livelli di inquinanti indoor da parte delle piante d’appartamento (e non) è possibile soprattutto grazie a due processi differenti: processi stomatali e non-stomatali.

Sulla superficie delle foglie sono presenti dei minuscoli pori, chiamati stomi, che permettono lo scambio gassoso tra interno ed esterno del vegetale, in particolare l’entrata di Anidride carbonica e l’uscita di Ossigeno. Oltre alle molecole di CO2 , attraverso le aperture stomatiche possono essere assorbiti altri componenti volatili, tra cui benzene, formaldeide e gli elementi di particolato fine noti come PM10 e PM2,5, che non sono necessari al metabolismo della pianta ma che possono comunque essere assimilati e trattenuti all’interno della pianta stessa. Questo processo è indicato come “stomatale”. Ciò che viene invece indicato come processo “non-stomatale” è la deposizione delle particelle volatili sulla superficie fogliare dei vegetali. Le particelle sono trattenute in maggior quantità quanto più la superficie fogliare è ampia e soprattutto ricca in “tricomi”, ovvero delle minuscole strutture cellulari simili a peli che ricoprono la superficie di alcune foglie (ad esempio Azalea, Calathea etc.)

Ogni tipo di pianta d’appartamento ha le sue particolarità ed i suoi benefici per la nostra salute, quindi maggiore sarà il numero dei coinquilini verdi, migliore sarà la qualità dell’aria in casa!

Se volete conoscere altre curiosità sul mondo delle piante d’appartamento e sui loro benefici, venite a trovarci in negozio e vi indicheremo la pianta che più si adatta alle vostre esigenze! In alternativa venite nei nostri Garden Center per respirare un po’ di aria pulita, è gratuita!!

 

Elisa Barbazza

FONTI

Plants for Sustainable Improvement of IndoorAir Quality. Federico Brilli et al., Trends in Plant Science, June 2018, Vol. 23, No. 6

Green wall technology for the phytoremediation of indoor air: a system for the reduction of high CO2 concentrations F. Torpy et al., Springer Science+Business Media Dordrecht 2016

 

Volatile Organic Compound Removal Efficiency of Green and Variegated Foliage Plants Grown under Different Light Intensities. Kwang Jin Kim et al., People Plants Environ. Vol. 20 No. 5: 531-542, October 2017

 

Assessment of Indoor-Outdoor Particulate Matter Air Pollution: A Review

Matteo Bo et al., Atmosphere 2017, 8, 136

 

Fundamentals of Ornamental Plants in Removing Benzene in Indoor Air

Yu Gong et al., Atmosphere 2019, 10, 221

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *